Conteggio dei morti


Ogni giorno nel mondo muoiono in media 155000 persone, mentre in un anno  trapassano circa cinquanta milioni di esseri umani. Sono morti prive d’interesse a meno che non si tratti del decesso di una persona famosa o di stragi, catastrofi, crimini, attentati e, come per le presenti circostanze, di corona virus. Allora il conteggio dei morti diventa l’elemento dominante nelle notizie, insieme a quello degli ammalati e contagiati.

Da diverse settimane nei titoli quotidiani dei mass media primeggiano aggiornamenti di conteggi di morti e ammalati a livello mondiale, continentale, nazionale, regionale, provinciale, comunale. Da un lato ci sono questi numeri che attirano l’attenzione, dall’altro quelli di morti e di ammalati ordinari, che non fanno notizia e che nessuno si prende la briga di contare.

Ci sono morti e ammalati speciali, con la corona, che ostentiamo come macabra classe nobiliare. e morti e ammalati ordinari che non interessano a nessuno.

Ma la morte e la malattia, alla fine dei conti, sia blasonata sia plebea, continua a essere morte e malattia per tutti. E così è sempre stato e seguiterà a esserlo, finché forse non riusciamo a comprendere il senso di questa vita: che statisticamente, nel modo più assoluto, culmina sempre nella morte.

Nella linearità del tempo l’unica certezza di ogni essere umano è la morte. Possiamo passare l’intera vita investendo tutte le nostre risorse nel tentativo disperato di ritardare il più possibile la malattia e la morte. Possiamo anche chiederci che senso abbia una vita fondata su questo proposito.

Possiamo anche domandarci, con tutto il rispetto, quale forma di orgoglio ci sia nello “sconfiggere” una malattia o nel dimostrare di essere in grado di vivere più a lungo di altri. Quel che conta sono qui allora i numeri: la quantità di anni di vita, la cifra dei morti, dei contagiati, dei guariti.

Possiamo anche notare che laddove il numero dei morti e degli ammalati può essere conteggiato, questi numeri non ci dicono nulla riguardo la quantità di sofferenza, terrore e disperazione derivati dalla malattia e dalla morte. Non è possibile contare il dolore, per cui un guarito (che non ha più il virus) è tale anche se sta soffrendo per altri motivi assai più gravi, ma che non fanno né numero né notizia. Quel che importa sono solo i numeri che contano: morti, ammalati, guariti.

Se questa è la misura del successo, ne deriva che ogni persona che si ammala e muore è un fallito e un perdente. Magari è proprio così, per cui si tratta di seguitare a lottare contro le malattie e la morte, anche se alla fine siamo tutti perdenti. Se la sopravvivenza e il ritardo a tutti i costi della morte sono la priorità della vita, possiamo chiederci che razza di vita sia mai questa. Possiamo anche provocatoriamente chiederci se siamo effettivamente vivi, se magari siamo già morti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Potrebbe interessarti anche: