Democrazia, dittatura e…

Democrazia:
ogni individuo può giudicare, insultare, attaccare, offendere e incolpare qualsiasi altro individuo, e ogni individuo può rispondere a chi l’ha giudicato, insultato, attaccato, offeso e incolpato, a sua volta, giudicandolo, insultandolo, attaccandolo, offendendolo e incolpandolo.

Dittatura:
solo una parte di individui può giudicare, insultare, attaccare, offendere e incolpare tutti gli altri individui, e nessun altro può farlo a meno che non lo faccia nello stesso modo in cui lo fa quella parte di individui.

Caterina CasellI:
Nessuno mi può giudicare, nemmeno tu
(La verità ti fa male, lo so)
Lo so che ho sbagliato una volta e non sbaglio più
(La verità ti fa male, lo so)
Dovresti pensare a me
E stare più attento a te
C’è già tanta gente che ce l’ha su con me, chi lo sa perché?
Ognuno ha il diritto di vivere come può
(La verità ti fa male, lo so)
Per questo una cosa mi piace e quell’altra no
(La verità ti fa male, lo so)
Se sono tornata a te
Ti basta sapere che
Ho visto la differenza tra lui e te
Ed ho scelto te
(Caterina Caselli, “Nessuno mi può giudicare”, 1966)

Potrebbe interessarti anche: