Perdita dell’anima inevitabile

Quando abbiamo un’esperienza traumatica, da una prospettiva sciamanica parti della nostra anima si separano per sopravvivere e sfuggire alle dolorose conseguenze di ciò che è accaduto.

Il punto è che le esperienze traumatiche non sono eventi eccezionali. Al contrario, sono la norma e avvengono fin dall’inizio del nostro viaggio umano. La nascita stessa è un’esperienza traumatica, così come tutte le varie fasi dell’infanzia e dell’adolescenza, insieme a ulteriori eventi critici comuni nella vita.

Di fatto la vita fisica di per sé è perdita dell’anima. Ci identifichiamo con corpi fisici separati, destinati a ammalarsi e morire, perdendo il contatto con il nostro vero sé, unificato e intero. La nostra anima è esiliata, congelata, persa, non importa se abbiamo evidenti esperienze traumatiche o meno.

La perdita di anima in questo mondo fisico è inevitabile. Questo può sembrare piuttosto deprimente. Eppure, allo stesso tempo, la vita fisica può diventare un’esperienza avventurosa e luminosa di recupero della nostra natura senza eguali, il processo di gestazione e il parto finale del nostro sé più beato e autentico.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Potrebbe interessarti anche: