Possessione

Secondo una prospettiva olistica, una delle più grandi perversioni nelle relazioni umane è l’idea di possedere qualcuno.

Certo, l’idea di possedere qualcuno è raccapricciante per qualsiasi persona così detta evoluta!

Ma quando dici che una data persona è “tuo” figlio, il “tuo” fidanzato, “tua” moglie, ecc. e vai su tutte le furie se cessa di diventare “tuo” o diventa di qualcun altro, non stai forse applicando l’idea di possedere qualcuno?

Occorre qui tuttavia distinguere tra l’emozione e l’idea di possedere qualcuno.

L’emozione di possedere qualcuno non è perversa. Può essere un’espressione naturale che genera passione nei riguardi di una persona, che ci fa sentire uniti e fusi con essa. Questa emozione può essere un portale verso l’esperienza dell’unità con il Tutto.

L’emozione di possedere qualcuno degenera in perversione olistica quando è sostenuta dall’idea che quella data persona è davvero nostra, per diritto e secondo un criterio di giustizia a cui aderiamo con il nostro pensiero, per cui non può essere di qualcun altro né decidere liberamente di chi essere o non essere.

Da una prospettiva olistica facciamo parte del tutto per cui possediamo tutto solo se permettiamo al tutto di possedere tutto.

L’emozione di possedere qualcuno è qui legittima solo se è accompagnata dall’idea che tutti possono possedere tutto, che è la stessa cosa che nessuno può possedere niente.

Quando invece l’emozione di possedere qualcuno è accompagnata dall’idea che siamo noi a possedere quel qualcuno e non qualcun altro, ecco che diventa perversione, secondo una prospettiva olistica, s’intende.

Secondo una prospettiva separata e ordinaria è proprio vero il contrario. L’intera realtà ordinaria si fonda sul possesso personalizzato, per cui quello che è mio non può essere tuo e vice versa. Quindi secondo questa prospettiva l’idea che tutti possono possedere tutto, che “tuo” figlio, il “tuo” fidanzato, “tua” moglie, è pure “mia”, “sua”, “loro” è una perversione.

Qui non mi sto schierando da nessuna parte, sto solo evidenziando la differenza, provando sotto sotto simpatia strategica per entrambe le parti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Potrebbe interessarti anche: