Relazioni e vacanze

Nel corso dell’anno tante persone in amicizia o relazione lavorano e hanno poche occasioni per stare a lungo insieme, mentre nel mese di agosto, se sono in vacanza, passano talvolta giorni o settimane senza separarsi mai. Questo può essere entusiasmante o frustrante o entrambe le opzioni, secondo i casi. Oppure succede l’opposto, alcuni si separano dalle amicizie e relazioni consuete per viaggiare in luoghi lontani, relazionandosi con nuove persone, che poi forse non vedranno più. E poi ci sono quelli che si sentono soli, facendosene una nobile ragione o preda di grande tristezza o invidia verso coloro che sono in relazione.

L’estate ci mette a confronto con la sfera delle relazioni e tutto ciò che è rimane inconscio a questo riguardo. Un elemento da tenere a mente è che le relazioni sono inevitabili. Tutti noi siamo coinvolti in relazioni, sia che ne siamo consapevoli o meno, e quello che veramente conta è comprendere la natura e le dinamiche di queste relazioni.

Puoi avere una relazione con una persona che individui chiaramente, perché è proprio lì con te fisicamente e ti confronti con lei su quel piano ogni giorno. Puoi anche avere una relazione con qualcuno che non c’è fisicamente, ma seguita a essere nei tuoi pensieri, e anche questa è una relazione intima, talvolta ancora più intima della precedente. Oppure puoi avere una relazione con un partner multidimensionale, uno spirito, una figura della tua fantasia, e pure questa è una relazione intima, spesso ancora più intima delle altre, perché opera proprio dentro di te, la senti e vedi solo tu. Questo partner può comportarsi con gelosia e possessività, per cui quando incontri nel mondo fisico qualcuno che ti piace, ecco che a un certo punto troverà il modo per rovinare tutto. Oppure tu stesso sei così attaccato a questo partner interiore, così amorevole ed esemplare, da non trovare mai nessuno fuori nel mondo che sia al suo livello. Tutti i partner mondani che incontri alla fine ti deludono e non possono competere con quello interiore.

In effetti, da una prospettiva sciamanica, abbiamo tutti dei partner multidimensionali, e anche più di uno, e tutto ciò che crea confusione, conflitti, inspiegabili o improvvise passioni, separazione, colpi di fulmine, ecc. nelle nostre relazioni fisiche pare derivare dal rapporto con queste entità.

Qualunque sia la tipologia delle tue relazioni e il modo in cui le percepisci, questa luna piena in Acquario è un’opportunità per allargare i tuoi orizzonti, per considerare le tue relazioni da prospettive alternative e multidimensionali.

Puoi domandarti prima di tutto qual è il tuo intento nelle tue relazioni, che cosa vuoi effettivamente.

Essere in una relazione intima è lo scopo della maggior parte delle persone, il loro più grande sogno. Ma da una prospettiva multidimensionali siamo tutti in relazione, sia che siamo apparentemente accoppiati con qualcuno o da soli.

Volere essere in una relazione, o crederlo di esserlo o non esserlo solo per il fatto di disporre o meno di un’altra persona che crede di esserlo con noi, non vuol dire assolutamente nulla, è un nonsense totale.

Ciò che conta è il tuo intento nella relazione, il motivo per cui ti relazioni, non il fatto di esserlo, perché in una relazione ci sei sempre, in ogni istante, non sei mai da solo. Attimo per attimo hai una relazione con il respiro, con il battito del cuore, e ogni giorno incontri persone con cui ti relazioni sia fisicamente sia nei tuoi pensieri ed emozioni.

Quindi, rilassati, sei già in una relazione, lo sei sempre stato. E sei soprattutto in tante relazioni, simultaneamente.

Quando sei convinto di essere in una relazione, e ti compiaci o meno per questo, spesso quel che stai vivendo è solo uno stato di amnesia, di rimozione, di trance. Ti sei scisso da tutte le tue altre relazioni, considerandone coscientemente solo una. E allora la tua relazione speciale diventa una realtà separata, priva di connessioni con tutto ciò che esiste nell’universo delle tue relazioni. Quando questo succede, e in questo mondo accade con molta frequenza, ecco che la tua vita si riduce sempre di più e la tua anima gradualmente ti lascia, pezzo dopo pezzo, per recuperare il rapporto con le relazioni che hai rimosso. Ti rimane solo un misero e minuscolo frammento dell’anima, e poi alla fine perdi pure quello e non rimane più nulla.

Svegliati! Riconosci le relazioni che hai già, incluse quelle che credi di non avere. Tu sei in relazione, ora, come sempre.

E quel conta è capire il tuo intento, cosa vuoi fare con esse.

Qual è il mio scopo in queste relazioni?

 

© Franco Santoro

Potrebbe interessarti anche: