Sacrifici

“Sacrificio” è un termine che per molti genera un certo disagio poiché nel linguaggio comune suggerisce qualcosa che implica severe privazioni e astinenze, dolorose immolazioni, volontarie o imposte. Secondo la prospettiva della nostra identità separata (ego) in effetti le cose stanno così, perchè appunto un sacrificio, dal latino “sacrificium” (“sacer” e “facere”, ossia “rendere sacro”) è un atto rituale o teatrale con cui dei beni, delle qualità o dei servizi materiali o personali, incluso anche il tempo trascorso durante l’atto stesso, passano dalla condizione ordinaria, separata o profana, e affidati a ciò che è divino, sacro, multidimensionale.

Il sacrificio stabilisce una relazione diretta tra l’umano e il divino, la nostra natura separata e quella multidimensionale.

Il sacrificio è inevitabile a livello multidimensionale, anche se può essere volontario o imposto.

Siamo destinati a perdere tutto quello che abbiamo conseguito a livello materiale, inclusi i ruoli, le posizioni di potere, i rapporti affettivi e sociali, e l’idea che abbiamo di noi stessi e quella che gli altri hanno di noi. Quando perderemo tutto ci sarà forse un passaggio radicale dalla condizione ordinaria e separata a quella multidimensionale. Tuttavia prima ancora di arrivare al sacrificio finale, nel corso della vita, perdiamo tante cose, e abbiamo esperienza di molti sacrifici parziali, che sono imposti, dovute alle circostanze, e su cui non abbiamo alcun controllo.

Lo scopo della vita, in sintesi, consiste nel prepararci a questo sacrificio ultimo, e ai sacrifici parziali imposti, celebrando regolarmente sacrifici volontari, rendendo idealmente il sacrificio un atto gioioso ed estatico.

Certo, la nostra identità ordinaria probabilmente raccapriccia dinanzi a tale prospettiva di vita, ma qui dipende da quale prospettiva si considera la vita.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Potrebbe interessarti anche: