Il corpo non guarisce

Da una prospettiva multidimensionale l’errore più fatale che puoi fare quando stai male, a causa di una malattia o di altri problemi materiali, è identificare la tua guarigione e il raggiungimento di uno stato di benessere con la guarigione dei tuoi malanni o problemi fisici.
Quando lo fai accetti la credenza base dell’ego, o identità separata, per cui la salute del corpo fisico è lo scopo della guarigione. Il corpo non guarisce.
Quindi, se da un lato è legittimo fare il possibile per stare meglio fisicamente, dall’altro non sprecare le tue preghiere e meditazioni, il tuo rapporto con la guida interiore e altre fonti spirituali, insistendo a chiedere guarigioni sul piano fisico.
Se pregando accade che guarisci, questo ti servirà a credere di aver ricevuto una grazia, un miracolo. Ti sentirai speciale, privilegiato, meritevole, rispetto ad altri che invece seguitano a stare male o muoiono.
Crederai di godere di una protezione speciale da parte di guide o santi, pronti a esaudire le tue richieste. Forse ci saranno altre guarigioni sul piano fisico, ma inevitabilmente arriverà il momento in cui cesseranno. Allora perderai tutti i tuoi privilegi, ti sentirai immeritevole, abbandonato da guide e santi, rimarrai solo, ammalato in modo irreversibile o morto.
A cosa ti sono servite quindi tutte le guarigioni fisiche precedenti se poi alla fine ti riduci così?
Non farti ingannare dalle guarigioni fisiche. Non fissarti a pregare e chiedere che il tuo corpo fisico sia guarito a tutti i costi.
Chiedi invece che preghiere e meditazioni, guide e fonti spirituali ti insegnino a comprendere cos’è effettivamente il corpo fisico e dove risiede la tua vera identità.
Il corpo non guarisce. Solo la tua percezione del corpo fisico può guarire. La malattia e il problema non riguarda il corpo fisico o la realtà materiale, ma la percezione malata del corpo fisico e della realtà materiale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Potrebbe interessarti anche: