Sciamani urbani

frrankfurtd-1Chi sa volare non deve buttar via le ali per solidarietà coi pedoni, deve piuttosto insegnare a tutti il volo. (Don Lorenzo Milani)

Il mondo ha bisogno di sciamani urbani, capaci di funzionare sia in mezzo alla natura sia sull’asfalto delle strade e tra i palazzi delle grandi città, nelle caverne e tra gli alberi, tra le apparecchiature elettroniche e i motori, nelle piazze e nei mercati delle società contemporanee.

L’astrosciamanesimo impiega strumenti il più possibile rapportabili ed integrabili nella realtà presente dell’uomo contemporaneo. In quest’ottica, l’adozione di tradizioni d’altri tempi o culture, così come periodi di ritiro e pratica spirituale, non implicano l’evasione dalle responsabilità nel mondo presente.

In certi momenti può essere indispensabile cercare ispirazione altrove ed allontanarsi dal contesto abituale per ritrovare ispirazione e il proprio autentico potenziale. Una volta recuperato e rafforzato il proprio intento, il passo successivo è decidere di manifestarlo concretamente nella vita e accettare di guarire e trasformare il nostro stesso ambiente.

Per certi versi è facile sentirsi sciamani o illuminati nel silenzio della natura, o provare unità e amore universale emulando le pratiche rituali di culture esotiche. Ciò che riesce difficile è mantenere tale attitudine nella vita quotidiana, con le persone con cui viviamo a stretto contatto, nelle attività sociali, nei luoghi di lavoro e in ogni ambiente delle società contemporanee. In effetti, sono proprio questi gli ambienti che hanno maggiore bisogno di sciamani.

Storicamente, lo sciamano ha fatto sempre parte integrante della società in cui ha vissuto, prendendosi cura dei suoi problemi, laddove gli è stato permesso di operare. Per diversi secoli la cultura sciamanica del mondo occidentale è stata osteggiata fino ad essere quasi interamente sterminata. Essa è riuscita a sopravvivere nella clandestinità o attraverso la copertura di complessi sistemi esoterici. Oggigiorno sembra esserci più libertà e quest’antica conoscenza è in grado di riemergere per venire impiegata nel nostro contesto culturale e non da qualche altra parte.

Astrosciamanesimo vuol dire prima di tutto accedere all’energia dei segni e pianeti astrologici: sentirla nel corpo, nelle emozioni, nella mente e nello spirito. Non è solo studiare o analizzare il significato degli archetipi astrologici. Vuol dire essere disponibili a diventare quegli archetipi: a fare esperienza del loro potere ed aprirsi così ad un’autentica trasformazione. Questa attitudine comporta una profonda rivoluzione interiore che è importante affrontare con delicatezza, nel pieno rispetto dei ritmi e di ogni componente del nostro essere.

© 2000 Franco Santoro

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Potrebbe interessarti anche: